Mese: Gennaio 2020

In Molise parte il Political Participation Canvas

Si tratta di passaggi delicati ma fondamentali. Tutto questo comporta la necessità di un ripensamento delle nostre linee di azione e di un consolidamento della nostra visione della società. Molte cose contenute nel nostro programma e nelle nostre “corde” sono state effettivamente realizzate, ma alcuni punti sono stati portati avanti in maniera diversa, avendo il MoVimento 5 Stelle comunque dovuto pagare lo scotto di essere al governo insieme ad altre forze politiche. Siamo convinti, in ogni caso, che con il lavoro e la partecipazione riusciremo a definire il Movimento 4.0 ripartendo dal nostro preciso campo di valori: acqua pubblica, tutela dell’ambiente, reddito di cittadinanza, ecc.
La prima tappa del nuovo percorso è prevista per domani, 1 febbraio, a Roma, dove si svolgerà un incontro con tutti gli altri facilitatori regionali e nazionali per poi replicare sabato 8 febbraio con una riunione tecnico-organizzativa assieme ai portavoce regionali, durante la quale sarà illustrato uno dei nostri nuovi metodi di conduzione dell’assemblea, il Political Partiocipation Canvas. Seguiranno, in tempi strettissimi, altri appuntamenti in regione per raccogliere sia le necessità dei vari gruppi, che le proposte dei cittadini e le istanze organizzative e politiche, che saranno portate negli Stati generali. 

E’ un momento difficile che richiede massima serietà, pazienza, solidità e determinazione. Non abbiamo bisogno di fughe in avanti da parte di nessuno né di persone negative, ma di concentrarci su valori, obiettivi e regole, come stabilito con gli attivisti e con gli eletti. Intendiamo puntare su gente positiva che possa guardare con fiducia a quanto fatto di buono finora, indipendentemente dal risultato elettorale, e a tutto ciò che è ancora possibile fare per il bene dell’Italia. Siamo nati tra i cittadini e vogliamo continuare a stare tra di essi, scommettendo sui nostri valori e verificando e capendo se e come li abbiamo declinati: solo allora potremo individuare i nuovi obiettivi da realizzare. Se qualche volta abbiamo mostrato uno scollamento dalla base che ci ha fatto sembrare distanti dalle istanze provenienti dal basso, ci tengo a sottolineare che è stato solo perché fortemente concentrati nell’ottenere i risultati. 

Risultati che rivendichiamo con orgoglio: il #RedditodiCittadinanza e #PensioneDiCittadinanza; l’#aliquota agevolata per le partite Iva; #Quota100; la legge #anticorruzione; l’abolizione della #prescrizione; il taglio delle pensioni d’oro; l’abolizione dei #vitalizi dei parlamentari; 10.000 assunzioni nelle forze dell’ordine; 1 miliardo e mezzo di euro per il risarcimento ai risparmiatori truffati delle banche; 1 miliardo di euro per l’innovazione; il #DecretoDignità per i contratti stabili; la #ClassAction; il #CodiceRosso per proteggere donne e bambini; lo Stop a nuove trivellazioni nei nostri mari; l’#Ecobonus per le auto elettriche; 11 miliardi di euro contro il dissesto idrogeologico; l’aumento del tempo pieno nelle scuole del #Sud; lo stop dell’aumento dell’Iva; il #DecretoClima; la Legge #SalvaMare; lo stop dell’aumento dei pedaggi autostradali; 4 miliardi di euro per il #GreenNewDeal; il taglio del cuneo fiscale; lo stop alla pubblicità del gioco d’azzardo; l’aumento degli stipendi ai Vigili del Fuoco; l’assunzione di 50.000 insegnanti precari; il taglio dei parlamentari.

M5S: IN MOLISE PARTE IL “POLITICAL PARTICIPATION CANVAS” Si tratta di passaggi delicati ma fondamentali. Tutto questo comporta la necessità di un ripensamento delle nostre linee di azione e di un consolidamento della nostra visione della società. Molte cose contenute nel nostro programma e nelle nostre “corde” sono state effettivamente realizzate, ma alcuni punti sono stati portati avanti in maniera diversa, avendo il #MoVimento5Stelle comunque dovuto pagare lo scotto di essere al governo insieme ad altre forze politiche. Siamo convinti, in ogni caso, che con il lavoro e la partecipazione riusciremo a definire il Movimento 4.0 ripartendo dal nostro preciso campo di valori: acqua pubblica, tutela dell’ambiente, reddito di cittadinanza, ecc.La prima tappa del nuovo percorso è prevista per domani, 1 febbraio, a #Roma, dove si svolgerà un incontro con tutti gli altri facilitatori regionali e nazionali per poi replicare sabato 8 febbraio con una riunione tecnico-organizzativa assieme ai portavoce regionali, durante la quale sarà illustrato uno dei nostri nuovi metodi di conduzione dell’assemblea, il Political Participation Canvas. Seguiranno, in tempi strettissimi, altri appuntamenti in regione per raccogliere sia le necessità dei vari gruppi, che le proposte dei cittadini e le istanze organizzative e politiche, che saranno portate negli Stati generali. E’ un momento difficile che richiede massima serietà, pazienza, solidità e determinazione. Non abbiamo bisogno di fughe in avanti da parte di nessuno né di persone negative, ma di concentrarci su valori, obiettivi e regole, come stabilito con gli attivisti e con gli eletti. Intendiamo puntare su gente positiva che possa guardare con fiducia a quanto fatto di buono finora, indipendentemente dal risultato elettorale, e a tutto ciò che è ancora possibile fare per il bene dell’Italia. Siamo nati tra i cittadini e vogliamo continuare a stare tra di essi, scommettendo sui nostri valori e verificando e capendo se e come li abbiamo declinati: solo allora potremo individuare i nuovi obiettivi da realizzare. Se qualche volta abbiamo mostrato uno scollamento dalla base che ci ha fatto sembrare distanti dalle istanze provenienti dal basso, ci tengo a sottolineare che è stato solo perché fortemente concentrati nell’ottenere i risultati. Risultati che rivendichiamo con orgoglio: il #RedditodiCittadinanza e #PensioneDiCittadinanza; l’#aliquota agevolata per le partite Iva; #Quota100; la legge #anticorruzione; l’abolizione della #prescrizione; il taglio delle pensioni d’oro; l’abolizione dei #vitalizi dei parlamentari; 10.000 assunzioni nelle forze dell’ordine; 1 miliardo e mezzo di euro per il risarcimento ai risparmiatori truffati delle banche; 1 miliardo di euro per l’innovazione; il #DecretoDignità per i contratti stabili; la #ClassAction; il #CodiceRosso per proteggere donne e bambini; lo Stop a nuove trivellazioni nei nostri mari; l’#Ecobonus per le auto elettriche; 11 miliardi di euro contro il dissesto idrogeologico; l’aumento del tempo pieno nelle scuole del #Sud; lo stop dell’aumento dell’Iva; il #DecretoClima; la Legge #SalvaMare; lo stop dell’aumento dei pedaggi autostradali; 4 miliardi di euro per il #GreenNewDeal; il taglio del cuneo fiscale; lo stop alla pubblicità del gioco d’azzardo; l’aumento degli stipendi ai Vigili del Fuoco; l’assunzione di 50.000 insegnanti precari; il taglio dei parlamentari.

Publiée par Fabrizio Ortis sur Vendredi 31 janvier 2020

Sbugiardati ancora sui vitalizi

A volte ritornano. Dopo aver presentato ricorsi su ricorsi, 700 senatori sono riusciti a riprendersi i vitalizi, ovviamente a discapito dei cittadini. Per via di questo “colpo di mano”, non ci sarà più il risparmio di 22 milioni di euro all’anno.

Alitalia deve continuare a volare

Il MoVimento 5 Stelle intende contribuire al rilancio della compagnia di bandiera italiana con tutte le risorse disponibili; per questo motivo abbiamo stanziato 400 milioni di euro per fornire un’impalcatura indispensabile al percorso che questo Governo ha già ben incardinato.

27 gennaio: per non dimenticare

In tutto il mondo, si celebra il Giorno della Memoria per ricordare l’orrore dell’Olocausto del quale furono vittime migliaia di ebrei, sterminati nei campi di concentramento nazisti.

18 mesi a cinque stelle

Ecco cosa siamo riusciti a fare in soli 18 mesi.

Inizia un nuovo percorso come facilitatore regionale

Cari amici,
inizio un nuovo percorso come “facilitatore regionale per le relazioni interne”.

Libia: ottimi risultati dal vertice di Berlino

Il vertice di ieri a Berlino è stato importante ed ha raggiunto degli ottimi risultati.

Progetto Ecoscuola

Stamattina ho partecipato alla conferenza stampa dedicata al progetto scolastico “Facciamo Ecoscuola”. Grazie alle restituzioni dei nostri stipendi, alla rinuncia di parte delle indennità e rimborsi, siamo riusciti ad arrivare alla cifra complessiva di 3 milioni di euro.

Sull’abbandono di Di Marzio

Avevo intuito che Di Marzio prima o poi avrebbe abbandonato il nostro gruppo, ma in cuor mio speravo che questo giorno non sarebbe mai arrivato

Facilitatore regionale per le relazioni interne. La mia candidatura

L’attivismo è sempre stato il cuore del MoVimento 5 Stelle, per questo ritengo giusto e corretto il coinvolgimento degli attivisti e dei referenti sul territorio nelle scelte che andranno a disegnare la strada del futuro.

Scroll to top